I fornitori del matrimonio

I fornitori del matrimonio

Esistono tantissimi fornitori del matrimonio, le più svariate figure professionali che, in un modo o nell’altro, gravitano intorno al giorno delle nozze.

Fin’ora, nei miei vari articoli, ho parlato dei principali: ristorante, location, abito, catering, stationery, fotografo, eccetera.
In questo articolo, invece, vorrei porre l’accento su alcune figure che potrebbero sembrare “residuali”, ma che sono in realtà molto molto importanti.

Il fiorista (o floral designer)

Il fiorista è un fornitore fondamentale del matrimonio, perché non crea solo le decorazioni floreali, ma si occupa, in generale, di tutti gli allestimenti.

Altri fornitori - floral designer
Matrimonio da bikers – foto e allestimento di Marco Berton

Per questo motivo vi do subito un consiglio, diretto e molto esplicito: andate da un professionista che non faccia semplicemente il fiorista, ma che sia un “floral designer”. Perché quest’ultimo ha competenze che vanno ben al di là del semplice assemblaggio di un bouquet o della creazione di una bottoniera. Ha una visione di insieme e vi aiuterà a creare l’atmosfera intorno al matrimonio.

Inoltre con i fiori si possono creare delle illusioni ottiche pazzesche e si possono far sembrare gli ambienti più o meno grandi, più o meno luminosi, a seconda delle composizioni che si creano.

Quindi il fiorista (chiamiamolo così per semplicità) ha un grande e importante compito: far sentire bene le persone nell’ambiente in cui si troveranno a festeggiare il matrimonio.

Il parrucchiere (o hair stylist)

Il parrucchiere deve saperci fare.
Deve saper acconciare bene i capelli, perché la pettinatura non è solo mettere due mollette e qualche fiore.
E’ un modo per far emergere la personalità della sposa, esattamente come l’abito: deve essere coerente con il suo carattere e il suo modo di essere.

E bisogna anche sapere come correggere qualche piccolo difetto estetico che la sposa potrebbe avere, come le orecchie un po’ troppo pronunciate (è quello più frequente).

Fornitori del matrimonio - hair stylist
Acconciature di Guido Giganti

Quindi cosa facciamo? Rinunciamo al sogno di fare un raccolto o semi-raccolto solo per questo motivo?
Ma assolutamente no!
Si dovranno usare degli accorgimenti particolari, ma un professionista serio sa come accontentare la sposa,  pur mascherando i suoi punti deboli e consigliandola per il meglio.

 

 

In questo caso il consiglio è quello di fare prima delle prove di acconciatura.
E fatevi fare delle fotografie delle pettinature fatte in prova, a scanso di equivoci. Cioè… andate a fare la prova, al termine vi guardate negli specchi e chiedete alla parrucchiera di farvi una foto di quanto appena fatto.

Il motivo è molto semplice.
Mi è capitato di sentire di spose (non mie) che hanno insistito per andare dal parrucchiere da cui sono sempre andate, perché “mi conosce da una vita e sa come sono io“, hanno fatto una prova e poi il giorno del matrimonio sono state pettinate in un altro modo. E, alle rimostranze della sposa, la risposta della parrucchiera è stata: “Ma tanto stai bene lo stesso“.
Direi che non ci siamo.
Quindi fate una bella foto e il giorno del matrimonio, al momento dell’acconciatura, la mostrate al parrucchiere come “pro memoria”.

La make-up artist

La make up artist deve essere una professionista del trucco.
Non basta la semplice estetista o l’amica tanto brava a truccare che segue sempre Clio Make Up.
Perché, per quanto brave possano essere (e sono sicura che lo siano davvero), esistono dei “trucchetti”, dei “tricks” che solo le make up artist esperte e che abbiano frequentato appositi corsi e accademie, conoscono.

fornitori del matrimonio - make up artist
Ph. by Apostolos Vamvouras

Parlo al femminile, ma ovviamente mi rivolgo ad entrambi i sessi.

 

Vi faccio un esempio di quello che intendo.
Se usate un trucco perlato, che luccica – e tra le spose va per la maggiore il desiderio di essere luccicosa il giorno delle nozze… sì, anche tra le spose dark, giuro – il brillantinato di questo tipo di make up contrasta con i flash della macchina fotografica.
E quindi sulle foto risulterete come se non vi foste truccate affatto. Perché le due luci si annullano tra loro.

Quindi accertatevi di essere truccate da una professionista seria.

I confetti e le bomboniere

I confetti di zucchero con la mandorla all’interno, sono una tradizione tutta italiana. Ogni bomboniera che si rispetti li ha. Ma qui casca anche l’asino. Perché se un confetto è scadente, si sente al gusto. Dai, diciamocelo… quando un confetto non è buono, sa di cartone. E’ così.

Quindi, o mettete a budget una cifra seria e fate una confettata seria, oppure evitate del tutto la confettata. Ma per favore, niente confetti scadenti. E’ il classico “scivolone” dei matrimoni.

I confetti
Ph. by Magnaduf

In realtà, se volete fare una bellissima figura, con un’alta qualità e un prezzo molto ragionevole, potete acquistate i confetti di Sulmona. Che tra l’altro sono anche quelli originali, perché il confetto così come lo conosciamo oggi è stato inventato proprio lì.
Sono molto belli e alternativi, perché vengono confezionati in vere composizioni floreali fatte proprio con i confetti. Ci sono margherite, rose, calle, viole, grappoli d’uva…

Se volete fare qualcosa di diverso, vi consiglio questo.

Le cortesie per gli ospiti

Le cortesie per gli ospiti sono dei regalini, dei pensierini che vengono dati agli invitati.

Cortesie per gli ospiti
Ph. by Sandra Grünewald

Di solito sono delle piccole borsine, che vengono consegnate al momento della cerimonia e che contengono tantissimi gadgets.
Quasi sempre, anche se siamo nell’era digitale, possiamo trovare la mappa per arrivare al ristorante o alla location. Poi spesso ci sono delle bolle di sapone, un ventaglio se fa caldo, dei fazzolettini di carta per chi si emoziona…
Nella borsina della famiglia che ha dei bambini piccoli spesso vengono inserite delle matite colorate e dei libri da colorare.

Qui il fornitore più adatto è difficile da trovare. Potete spaziare da Amazon al negozio sotto casa.

…Volete la verità?
Su questo, i miei migliori amici sono Tyger e un sito che si chiama Troppo Togo. Fateci un giro ma occhio a non comprare tutto, perchè è il classico sito dove parte l’acquisto compulsivo.

Quindi, per concludere: come fornitori del vostro matrimonio, avvaletevi di professionisti. Non lasciate nulla al caso. Perché è uno di quegli eventi che si vivono una volta sola nella vita.
E anche voler fare un matrimonio a basso costo, non significa fare le cose “alla carlona”, come direbbe mia nonna.

E per qualsiasi dubbio possiate avere, scrivetemi e prenotate una prima consulenza gratuita.

Matrimonio da bikers
MATRIMONIO DA BIKERS – Ph. by Gianfranco Roberto – Allestimenti e fiori by Marco Berton – Acconciatura by Guido Giganti – Location c/o La Pacheca di Lazise

Matrimonio per Bikers

Matrimonio da Bikers

Finalmente, dopo mesi di preparativi, da domenica scorsa esiste il Matrimonio da Bikers!

Per sapere di cosa si tratta, potete andare nell’apposita pagina e troverete le principali informazioni.

Com’è nato il progetto

Il progetto è nato ad agosto, nell’ultima tappa del mio “giro d’Italia”.

A causa della pandemia e del lockdown appena terminato, avevo potuto fissare le location in cui mettere lo stand solo per il mese di luglio. Perché moltissimi locali e ristoranti non sapevano dirmi se sarebbero stati aperti ad agosto. Dipendeva tutto dall’affluenza di persone che ci sarebbe stata.
Quindi per la mia ultima tappa avevo potuto programmare qualcosa solo due settimane prima di arrivare a Verona.

Era, infatti, Verona l’ultima città prima del mio rientro a Milano.
Verona, la città dell’amore, della musica, del turismo culturale…
Nulla di tutto questo.

Con il fatto che la stagione musicale all’Arena era stata annullata, c’erano pochissimi turisti in città. E, di conseguenza, moltissimi locali avevano scelto di rimanere chiusi.

Quindi, che fare?

L’idea migliore era quella di andare dove, in quel momento, poteva esserci più turismo. E, in zona, il posto migliore e più vicino era il lago di Garda.

Così, cercando su Google Maps, ho scoperto quasi per caso La Pacheca.

Sinceramente non mi aspettavo una risposta.
Non potete davvero avere idea di quante mail abbia mandato senza ricevere risposta. Di quante telefonate abbia fatto, senza che nessuno rispondesse. In alcuni casi, dove i siti internet lo specificavano, ho mandato anche dei Whatsapp. Nulla, nemmeno la spunta blu. Che poi mi domando: ma perché scrivere sul sito di mandare un messaggio Whatsapp se poi non lo guardi?

Invece quel pomeriggio è suonato il telefono.
Era Antonio, uno dei titolari de La Pacheca, che mi chiamava per avere maggiori informazioni sui matrimoni rock. E si è preso subito bene.
Perché diciamocelo, lui è un personaggio davvero molto rock.
Così ho fissato la data per mettere da lui lo stand: il 30 agosto. L’ultimissimo giorno del mio tour in giro per l’Italia.

Cosa c’entra il Matrimonio da Bikers con il Matrimonio Rock?

Il Matrimonio da Bikers, anche se non sembra, c’entra moltissimo con il Matrimonio Rock.
Non perché tutti i motociclisti siano rockettari, ma perché i bikers, come i rockers, vivono secondo il loro stile di vita.

I motociclisti appartengono ad un mondo fantastico, on the road. Dove essere sé stessi è importante. Come nel rock.

Io avevo la moto. Una Honda, CBF600N, naked, completamente scarenata. Sono passata dalla bicicletta al 600, non mai avuto un cinquantino. Non so se mia madre sia rimasta più sconvolta da questo o dal mio primo tatuaggio.
Comunque era per dire che so molto bene cosa si prova a stare in sella ad una moto e so i rapporti che si creano tra bikers. Perché anche la moto, come il rock, è uno stile di vita.

Quindi, parlando con Antonio, abbiamo pensato al matrimonio per motociclisti.
Un matrimonio simile a loro. Vicino al loro stile di vita. Con un mood innegabilmente rock, nel senso più ampio del termine.

E per lavorare su un progetto del genere, dovevo cercare professionisti qualificati, che fossero di zona e che avessero quello stesso mood nel sangue.
E così, cercando e informandomi, ho trovato due persone eccezionali: Marco Berton (floral designer) e Guido Giganti (hair stylist).
Per non parlare del catering di fiducia de La Pacheca, Sergio Dell’Aquila Eventi, che ha già organizzato e pensato dei menu per occasioni simili.

Quindi, se siete dei Bikers che vogliono sposarsi secondo il loro stile di vita… io posso realizzare il vostro sogno.

Matrimonio da Bikers - corteo nuziale
Ph. by La Pacheca