Il progetto creativo

Il progetto creativo

Il progetto creativo altro non è che la progettazione del matrimonio, la sua realizzazione “artistica”. E’ l’idea che gli sposi hanno, nel loro immaginario, di come dovrebbe essere quella giornata.

Ho trattato l’argomento ieri sera in una diretta sulla mia pagina Facebook.

Qual è la sua funzione?

Serve da guida per gli sposi: ha la funzione di individuare il tema principale del matrimonio (ambientazione, colori, stile, ecc…).

Una mia collega americana, una volta, riferendosi al budget, disse ad una sua cliente: “Il fatto che ci sia un codice a barre sopra, non significa che devi acquistarlo per forza“.
Il concetto è lo stesso per il progetto creativo: il fatto che ti piaccia una cosa, non significa che debba per forza essere inserita nel matrimonio.

A volte capita che l’entusiasmo porti gli sposi un po’ “fuori rotta”.

Il fatto di vedere tante belle cose su internet, tante immagini su Pinterest e sui vari social, può far cadere gli sposi nel tranello di buttare dentro al matrimonio un po’ di tutto. Ma questa è una cosa da evitare assolutamente, perché gli elementi del matrimonio devono essere coerenti gli uni con gli altri.

Per esempio, se gli sposi decidono che vogliono che il loro matrimonio sia a tema mare e poi si innamorano follemente di una baita in montagna e decidono di sposarsi lì in gennaio, con la neve… non è più coerente con il tema.

Il progetto creativo ha la funzione di guidare gli sposi, di far convogliare le loro scelte verso una sola direzione e di farli restare coerenti con il tema scelto.
Cosa, molto importante perché la mancanza di coerenza toglie carattere all’evento.

Può esserci un solo progetto creativo?

L’ideale è che ci sia un tema unico e che rispecchi gli sposi e le loro personalità.

Tuttavia, nel caso in cui la coppia ci tenga particolarmente ad avere più di un tema, si può valutare di dividere la giornata in diversi momenti e assegnare a ciascuno di essi un diverso fil-rouge.

In ogni caso, questo non farebbe perdere la coerenza, perché ogni momento avrebbe il suo tema, come un cerchio che inizia e finisce. Non sarebbe un’accozzaglia indistinta di mille cose.

Un consiglio per gli sposi?

Parlate molto fra di voi. Cercate di focalizzare cosa vi accomuna e cosa vi caratterizza come persone. Potete aiutarvi con delle domande.

Per esempio, io chiedo sempre alle mie coppie, in fase conoscitiva, di dirmi quali sono le tre cose che, per loro, assolutamente non devono mancare il giorno delle nozze. E quali, invece, sono da escludere completamente.

E vedrete che poi, man mano, le idee vengono.
Ma sempre tenendo gli occhi sul progetto creativo.

Il progetto creativo
Ph. by Thomas Curryer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.