Skip to main content

E' passata una settimana dal mio rientro dal Meet Up di Roberta Torresan e ho finalmente elaborato abbastanza le mie emozioni da poterlo raccontare con un filo logico.
E' un evento straordinario, unico nel suo genere, di grandissimo impatto sia formativo che di relazioni e che ti lascia un insieme di gioia, soddisfazione ed entusiasmo.
Nel settore del wedding ormai lo conoscono tutti e tutti vorrebbero partecipare, ma è e rimane un evento esclusivo pensato per le Planners da tutta Italia... e sì, in alcuni casi anche dall'estero.
Quest'anno è durato due giorni pieni ed stato dedicato interamente al design del matrimonio.
Te lo racconto in questo articolo, con le fantastiche fotografie di Videostudio Roberto Marchionne, partner dell'evento.

Roberta Torresan

Se non sei del settore, magari non hai mai sentito parlare di Roberta Torresan, anche se il suo nome sta di anno in anno crescendo sempre di più, fino a sfondare i limiti del settore wedding.

 

Roberta non è solamente una delle più importanti wedding planner italiane, conosciuta a livello internazionale e specializzata in matrimoni luxury. Ma è anche la fondatrice e direttrice di Wedding Planners PRO, la prima Wedding Business School in Italia.

E dal mio punto di vista (lavoro nel settore da oltre dieci anni e ho partecipato a decine di corsi di aggiornamento) è sicuramente la formatrice più competente e autorevole che ci sia attualmente sulla piazza italiana.

E anche internazionale, visto che quest’anno al Meet Up c’erano relatori provenienti da tutto il mondo e conosciuti ai più alti livelli del wedding e del design.

Ma torniamo a parlare del Meet Up.
Esattamente, di cosa si tratta? E perché quest’anno è stato particolare?

Non si può spiegare in due parole, occorre un capitolo a parte.
Continua a leggere e te lo spiego.

Meet Up 2023 - Design

Il Meet Up è un meeting annuale in cui la Torresan raduna Wedding Planners da tutta Italia (e non solo) per una due giorni di formazione e network professionale.
Si tiene a fine anno e permette di seguire lezioni e laboratori di vario genere, di confrontarsi con colleghi e fornitori e creare anche collaborazioni lavorative.

Per il 2023 il tema è stato il design del matrimonio e, da un punto di vista formativo, è stato affrontato in modo molto interessante e dinamico.

Il primo giorno le lezioni si sono tenute sotto forma di laboratori: il pensiero laterale, la gestione dello spazio, floral design, armocromia... solo per citarne alcuni.
Ogni lezione si teneva in una diversa classe e veniva ripetuta su più orari, in modo che fosse fruibile a turno da tutti i partecipanti.
Per me è stato fantastico: oltre all'interesse per gli argomenti, è stato un po' come tornare all'università. E questo tipo di organizzazione ha anche permesso di staccare la testa ogni 45 minuti (ci si doveva spostare di aula) ed evitare il tipico calo di attenzione.

Il secondo giorno è trascorso in auditorium, dove si sono alternati sul palco diversi relatori provenienti dalla scena nazionale e internazionale del design e del wedding. Inframmezzati da alcune performance musicali della Big Show Live Band, che ha coinvolto tutti noi in diversi momenti di... "allegria danzante".

E poi, nel tardo pomeriggio, c'è stato il momento clou, quello tanto atteso da tutti: l'assegnazione delle Stelle.

Brilla!

Le Stelle sono dei riconoscimenti che vengono assegnati ai 10 migliori Planner d’Italia, uno per ogni categoria prevista.

Quest’anno ce la si batteva per:

  • Miglior Planner del Nord Italia
  • Miglior Planner del Centro Italia
  • Miglior Planner del Sud Italia
  • Miglior Destination Wedding Planner
  • Miglior start up
  • Miglior strategia di posizionamento
  • Miglior personal brand
  • Miglior instagram profile
  • Miglior wedding shooting
  • Miglior wedding design

Roberta Torresan, inoltre, assegna fino ad un massimo di 5 premi speciali a chi si è particolarmente distinto in qualche ambito specifico.

I partecipanti, nei mesi precedenti al Meet Up, sono invitati a proporsi per ricevere il premio in (massimo) tre delle categorie che ho elencato sopra, motivando la propria candidatura. E con la consapevolezza che si verrà passati ai raggi x, perché trattandosi di riconoscimenti molto prestigiosi, i professionisti in nomination vengono valutati in modo attentissimo.

La cerimonia di consegna è una vera e propria notte degli Oscar!
C’è tutto: abiti di gala, palco, musica d’atmosfera, video d’effetto… Tutto quello che serve per sognare e per far diventare reale il sogno.

L’anno scorso ho avuto la fortuna di salire anch’io su quel palco per riceve uno degli awards e posso dire che è davvero  un’emozione indescrivibile, che rivivo ogni volta che in ufficio guardo la mia Stella con scritto “Miglior Personal Branding AA 2022“.

Aspetta! Non è finita qui!

La cerimonia di consegna non è affatto la conclusione del Meet Up.
In realtà è soltanto il preludio ad un momento di eccezionale bellezza, in perfetto “stile Torresan“: la cena di gala.

 

Una delle sale del TH Carpegna Palace, location in cui si è tenuto il Meet Up, è allestita dai partner dell’evento, su progetto di Roberta. Che è finalizzato – come tutti gli eventi che organizza – a lasciare a bocca aperta chiunque vi abbia accesso.

L’effetto “wow” è stato centrato in pieno anche quest’anno. Perfettamente in linea con il tema di questa edizione, cioè il design.

Oltre alla bellezza intrinseca della sala del ricevimento, la cena è anche un’occasione benefica.
Ogni anno, infatti, Roberta sceglie un ente a cui devolvere il ricavato della serata e per l’edizione 2023 è stata la Fondazione Bambino Gesù, a sostegno dell’omonimo ospedale pediatrico.

In conclusione, posso dire che è stato un evento pazzesco, sotto ogni punto di vista.

Sono felice di aver partecipato anche quest’anno e… mi sono già iscritta a quello dell’anno prossimo!

Adesso è il momento di rimboccarmi le maniche, mettere in pratica tutto quello che ho imparato (a vantaggio dei miei sposi) e migliorare ogni giorno un po’, per essere degna, a fine anno, di risalire su quel palco e aggiungere un’altra Stella alla mia mensola in ufficio.

Leave a Reply